Comunicazione del Presidente e del Consiglio Direttivo

Oggetto: Convocazione Assemblea Generale dei Soci

Cari amici e cari soci SICCR

Il giorno 10 maggio u.s. la Presidenza, il Consiglio Direttivo ed il Collegio dei Probi Viri hanno ricevuto da parte del Dr. Ratto, promotore della iniziativa, e da ulteriori 39 soci, la richiesta di Convocazione della Assemblea Generale dei Soci SICCR ai sensi dell’Articolo 12 dello Statuto Societario (l’Assemblea Generale dei Soci è altresì convocata quando ne sia fatta richiesta scritta e motivata da almeno un decimo degli Associati) per la presenza di “motivi formali e sostanziali” riguardanti il Codice Etico Societario.

La convocazione di una Assemblea Generale ai sensi dell’Articolo 12 dello Statuto, non ha precedenti nella storia della SICCR. Il Consiglio Direttivo ritiene “ingiuste” ed “ingiustificate” le motivazioni riguardanti il Codice Etico, avendo sempre agito nell’assoluto rispetto dello Statuto e del Regolamento Societario. Tale richiesta è di fatto una espressione di “delegittimazione”, di contrasto e dissenso dell’operato del Consiglio Direttivo eletto dai Soci per rappresentare la SICCR. Tuttavia, proprio per il rispetto dello Statuto, non può non prendere atto della richiesta dei 40 associati, ritenendo “un atto inevitabile, doveroso e necessario” la Convocazione della Assemblea Generale dei Soci SICCR, la cui data e sede vi verrà comunicata nei prossimi giorni. Per la gravità del momento, si rende a questo punto indispensabile precisare nel dettaglio tutto il percorso che ha portato sia alla approvazione del Codice Etico che a quanto poi ha condotto alla richiesta di Convocazione.

In data 3 giugno 2016 a Firenze (vedi relativo Verbale pubblicato sul sito) il Dr. Ratto, con un ritardo di ben nove mesi dalla sua elezione avvenuta il 6 Ottobre 2015 a Treviso e dopo aver rivestito in tale periodo il ruolo di Vicepresidente SICCR ed essere stato nominato dal CD Responsabile di una ricerca societaria sulla patologia emorroidaria, fa sapere al Consiglio Direttivo, che dalla fine di settembre 2015 ha intrapreso una collaborazione scientifica con la azienda THD SpA, come membro dell’Advisory Board, con ruolo retribuito (18.000 €). Il Consiglio Direttivo, sorpreso da tale notizia, si pone l’interrogativo della compatibilità della posizione del Dr.Ratto, per l’eventuale conflitto di interesse, tra ruolo di Vicepresidente SICCR da lui rivestito e di responsabile della ricerca sulla patologia emorroidaria e quello di componente dell’Advisory Board della THD SpA. AI fine della massima trasparenza della Leadership societaria, il CD da mandato al Prof. Altomare, Responsabile della Commissione SICCR “Normativa e Legislazione”, di approfondire tale situazione e nel contempo di lavorare su un Codice Etico Societario e su un documento riguardante il Conflitto di Interessi.

Per la stesura del Codice Etico, il Prof. Altomare collabora con il Collegio dei Probi Viri, organo supremo e garante ultimo della Società, coordinati dal Dr. Antonio Amato, ultimo Past-President, lavorando per molti mesi sul documento sia considerando quanto già fatto da altre Società e sia ispirandosi a Codici Etici e conflitti di interessi già pubblicati ed adottati. In occasione del Consiglio Direttivo del 26 Settembre 2016 riunitosi all’Auditorium Parco della Musica a Roma, durante il Congresso Congiunto delle Chirurgie, il CD (presente anche il Dr. Ratto) lavora dettagliatamente sulla prima stesura del Codice Etico ricevuta dal Collegio dei Probi Viri apportando una serie di correzioni, in particolare sui potenziali conflitti di interesse e sui criteri di eleggibilità della Leadership Societaria (vedi relativo Verbale pubblicato sul sito). Il documento viene dunque ripresentato al Collegio dei Probi Viri per un loro secondo parere. Durante il Consiglio Direttivo del 25 Ottobre 2016 (vedi relativo Verbale pubblicato sul sito) il CD (presente anche il Dr. Ratto) riesamina attentamente tutte le integrazioni apportate dai Probi Viri e suggerisce ulteriori correzioni e miglioramenti. Il documento viene dunque rimandato al Collegio dei Probi Viri per un loro terzo parere. All’Educational Meeting di San Marino del 5 Dicembre 2016 (vedi relativo Verbale pubblicato sul sito), il Consiglio Direttivo, assente il Dr. Ratto, dimessosi dalla carica di Vicepresidente e consigliere per “contestazione politica” e da mesi in costante dissenso e contrasto con qualsiasi iniziativa di tutto il CD (vedi relativo Verbale pubblicato sul sito della Riunione del CD del 22 Novembre 2016), convoca i Probi Viri (presenti Antonio Amato, Filippo La Torre e Mario Trompetto) e con loro si riesamina ogni singolo voce del Codice Etico. All’Assemblea Ordinaria tenutasi successivamente (vedi relativo Verbale pubblicato sul sito), il CD comunica ai Soci che il Codice Etico è in via di definizione e che sarà presentato nella sua versione ultima durante la Assemblea dei Soci che si terrà nel primo trimestre del 2017 per la Approvazione del Bilancio. In tale occasione si prospetta la approvazione assembleare con conseguente modifica dello Statuto.

Ogni modifica dello Statuto che viene deliberata dall’ Assemblea, deve avvenire in presenza di un notaio. Di conseguenza, il CD richiede la consulenza dello Studio Notarile Morone, riferimento della Società, nella persona dell’Avvocato Cinieri, a cui viene inviato il documento finale sul Codice Etico. L’Avvocato Cinieri, riferisce che “dopo aver letto con attenzione lo Statuto, il Regolamento ed il Codice Etico della Società Italiana di Chirurgia Colo-Rettale” ritiene il documento molto valido e ben articolato. In particolare fa notare come il Codice Etico non debba essere votato ed approvato dalla Assemblea, in quanto si attiene a Disposizioni o Norme dello Stato, ma che debba essere una integrazione del Regolamento. In particolare “Le modalità di accesso alla cariche sociali, così come disciplinate dal Codice Etico, rispettano il contenuto dell’articolo 7 dello Statuto che, pertanto, non deve essere modificato”. Preso atto della consulenza dell’Avvocato Cinieri, e del fatto che il Codice Etico non modifica lo Statuto e non deve esserne sua parte, durante il Consiglio Direttivo del 28 Febbraio 2017 (vedi relativo Verbale pubblicato sul sito) il Codice Etico, dopo 9 mesi di lavoro, viene definitivamente approvato ed inserito come Appendice del Regolamento. Il 1° Marzo 2017 il Codice Etico viene infine pubblicato sul sito web societario.

I diversi temi affrontati nel Codice Etico, pubblicato sul Sito Societario, riguardano: 1) l’Etica nei rapporti con la SICCR, nei rapporti con altre Società e nei confronti della Società Civile nello svolgimento della professione che devono essere improntati ai principi di onestà, correttezza, coerenza, trasparenza, riservatezza, imparzialità, diligenza, lealtà e reciproco rispetto; 2) l’attività peritale e di consulenza medico-legale; 3) il Conflitto di Interesse. Riguardo i criteri per la definizione del conflitto di interesse, la SICCR condivide e recepisce i criteri per la valutazione adottati dalla Alliance for Biomedical Research in Europe 1, nonché dalla LEGGE (anti-corruzione) 241/90 E CODICE DI COMPORTAMENTO: DISCIPLINA “GENERALE” CASI DI CONFLITTO DI INTERESSI: L’art. 54 del d.lgs. n. 165 del 2001, come modificato dall’art. 1, comma 44, della 1. n. 190, nonché Il nuovo Codice di comportamento approvato con D.M. 28 novembre 2000, art. 6 bis nella l. n. 241 del 1990. Riguardo la questione temporale da considerare per la valutazione di potenziali conflitti di interesse si è fatto riferimento a: Legge Anticorruzione n.190/2012: “i dipendenti che negli ultimi 3 anni di servizio hanno esercitato poteri autoritativi o negoziali per conto delle PA non possono svolgere, nei 3 anni successivi alla cessazione del rapporto di pubblico impiego, attività lavorativa o professionale presso i soggetti privati, destinatari dell’attività della PA”; Regolamento AIFA per la disciplina dei conflitti di interesse: “il lasso di tempo da prendere in esame per la dichiarazione degli interessi diretti o indiretti è sia il momento attuale (ad esempio, in qualunque momento in costanza del mandato di un membro o nel momento del coinvolgimento di un soggetto in una specifica attività dell’AIFA), fino ai precedenti 3 anni, ovvero un tempo illimitato nei casi previsti all’art. 7 del presente regolamento”; International Committe of Medical Journal Editors ICMJE Form for Disclosure of Potential Conflict of Interest che riporta “all sources of revenue paid (or promised to be paid) directly to you or your institution on your behalf over the 36 months prior to submission of the work. This should include all monies from sources with relevance to the submitted work, not just monies from the entity that sponsored the research. Please note that your interactions with the work’s sponsor that are outside the submitted work should also be listed here. If there is any question, it is usually better to disclose a relationship than not to do so”; Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina (ECM) Dichiarazioni di Conflitto di interessi: “Per garantire la trasparenza è necessaria una dichiarazione formale sottoscritta delle fonti di finanziamento relativa agli ultimi 2 anni da parte di tutti coloro che a qualsiasi titolo sono coinvolti nella organizzazione e/o gestione e/o erogazione di eventi ECM”.

Il 10 Marzo 2017, all’ Assemblea Generale dei Soci presso l’Auditorium del Salvator Mundi International Hospital in occasione del Meeting Tri-Regionale SICCR Abruzzo-Lazio-Molise (vedi relativo Verbale pubblicato sul sito), il Consiglio Direttivo riferisce dettagliatamente su tutto il percorso che ha portato alla stesura definitiva ed alla successiva approvazione del Codice Etico ed alla norma sui conflitti di interesse. In particolare: 1) Il Codice Etico è una disposizione dell’Autorità Anti-Corruzione. Si tratta pertanto di un atto necessario richiesto a tutte le Società Scientifiche; 2) Per redigere il Codice Etico sono stati impiegati 9 mesi (da giugno 2016 a febbraio 2017); 3) Il Codice Etico è stato redatto dal Collegio dei Probi Viri e successivamente ridiscusso ed approvato dal CD; 4) Il passaggio Assembleare previsto inizialmente per la sua Approvazione è stato ritenuto “non pertinente” dalla consulenza notarile in quanto il Codice Etico non va a modificare lo Statuto della Società ma deve essere una integrazione del Regolamento. Come tale, viene elaborato, stilato, approvato e pubblicato, dal Consiglio Direttivo, allo scopo che tutti i soci ne prendano atto e lo rispettino; 5) Tutti i membri del CD pubblicheranno una dichiarazione di assenza di conflitto di interessi.

Il Dr. Ratto, presente in Assemblea, manifesta forte dissenso e contrasto, definendo “superficiale ed approssimativo” il Codice Etico e legge un documento estremamente critico nei confronti dell’operato del Consiglio Direttivo (vedi allegato al relativo Verbale pubblicato sul sito). Il Dr. Ratto tuttavia non spiega perché le proposte di modifica non le ha esposte nelle riunioni del CD in cui è stato presente ed anche perché ha scelto di dimettersi, piuttosto che continuare a lavorare in CD su tale argomento. Successivamente il Dr. Ratto inizia una personale campagna di reclutamento, inviando a diversi soci SICCR una lettera in cui sottolinea la “imprevista ed ingiustificata accelerazione decisionale” della approvazione del Codice Etico, considerando “inaccettabile un procedere del genere da parte della leadership societaria” e ritenendo che il Consiglio Direttivo abbia fatto “un esercizio di potere”. Nella lettera invita i soci SICCR a richiedere una Assemblea Generale per ridiscutere il Codice Etico appena entrato in vigore, facendosi promotore di tale iniziativa ed indicando la propria persona come collettore di eventuali adesioni a tale richiesta. Il giorno 10 maggio u.s. fa dunque pervenire, come sopra detto, una mail alla Presidenza, con allegata la richiesta di convocazione della Assemblea Generale ai sensi dell’Articolo 12 dello Statuto Societario da parte di 40 soci. Le motivazioni addotte dal Dr. Ratto e dai 40 associati, come riportate nella richiesta, sono le seguenti:
-Discussione dettagliata del Codice Etico SICCR vigente quale parte del Regolamento societario per approvazione effettuata dal Consiglio Direttivo SICCR in data 28/02/2017; – Valutazione di eventuali opportune modifiche da apportare al Codice Etico SICCR vigente; – Proposta di approvazione del Codice Etico SICCR quale riforma dello Statuto SICCR, quindi con delibera Assembleare.

A fronte di quanto accaduto, il Consiglio Direttivo, con rammarico per tutto quanto sopra esposto, ritiene di accogliere come “atto doveroso” la richiesta di Convocazione della Assemblea Generale richiesta dai 40 associati. Tale Assemblea si dovrà svolgere in tempi relativamente brevi per i seguenti motivi:
1) importanza del tema messo in discussione. Sia nel caso venga confermato il vigente Codice Etico dalla maggioranza dei Soci in Assemblea o che questa venga modificato, come richiesto dai firmatari, ciò deve essere stabilito prima del Congresso Nazionale di Roma, in modo da definire “senza possibilità di ulteriori fraintendimenti o speculazioni” i criteri di eleggibilità per chi volesse candidarsi al CD;
2) l’ Assemblea Generale non può essere convocata, per ovvi motivi, nei mesi di luglio ed agosto e non si può aspettare il Congresso Nazionale di Roma perché troppo lontano (5 mesi) dal ricevimento della mail da parte dei 40 associati (10 Maggio), che sottolineano la urgenza di affrontare tale argomento;
3) l’ Assemblea Generale non può essere convocata al Congresso Nazionale di Roma in quanto l’attuale Consiglio Direttivo, responsabile del Codice Etico, è a fine mandato ed è ha il solo compito nella Assemblea Generale già prevista di presentare il bilancio di fine mandato ed introdurre il nuovo Consiglio Direttivo.

Questa Lettera ai Soci è un atto dovuto ed il suo contenuto ha voluto rappresentare le pressanti difficoltà incontrate durante questi ultimi mesi dal Consiglio Direttivo, al quale abbiamo avuto l’onore e l’onere di essere stati eletti, in rappresentanza di tutti gli associati e del buon nome della SICCR. Auspichiamo, vista la gravità delle criticità emerse che potrebbero condizionare il presente ed il futuro e la stessa sopravvivenza della SICCR, la “massima partecipazione” possibile dei Soci all’ Assemblea Generale che verrà a breve convocata, nella speranza che questo momento possa rappresentare un passaggio non divisorio ma di rafforzamento della nostra Società.

Un cordiale saluto,

Il Segretario                   Il Presidente
Andrea Lauretta            Giulio A. Santoro


Clicca qui per scaricare il documento

25/05/2017
‹ indietro
Dizionario
Cerca medico
Centri U.C.P.
Informazioni per i Pazienti

Ultimo aggiornamento:

La Videocapsula
Leggi ›

L'Esperto Risponde

Paola De Nardi
denardi.paola@hsr.it

Lettere al presidente

Dott. Giulio A. Santoro
Rubrica diretta a quanti volessero porre dei quesiti al Presidente SICCR, Dott. Giulio A. Santoro.

presidenza@siccr.org

Informazione pubblicitaria
Tribif - Disbiosi e infiammazione - Valeas spaMedtronic
Partner
AIGOAIUGCIC