Statuto – Scuola di Ecografia del Pavimento Pelvico

Clicca qui per scaricare lo statuto

TITOLO 1

NORME GENERALI

Art. 1 – Ambito di applicazione

Il presente regolamento si applica alla Scuola di Ecografia del Pavimento Pelvico abilitata all’insegnamento ed al training delle metodiche ecografiche per lo studio dei disordini del pavimento pelvico

Art. 2 – Società affiliate

La Scuola di Ecografia del Pavimento Pelvico appartiene alla Società Italiana di Chirurgia Colorettale (SICCR). Società affiliate sono rappresentate dalla:
SOCIETÀ ITALIANA DI UROGINECOLOGIA (AIUG)
SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA MEDICA E BIOLOGICA (SIUMB)
SOCIETÀ ITALIANA DI URODINAMICA (SIUD)

Art. 3 – Finalità della Scuola di Ecografia del Pavimento Pelvico

  1. La Scuola di Ecografia del Pavimento Pelvico ha lo scopo di formare chirurghi colorettali, uroginecologi, gastroenterologi, radiologi nella disciplina ecografica del pavimento pelvico, rilasciando il titolo di Diploma in Ecografia del Pavimento Pelvico.
  2. La durata del corso di studi è pari ad un anno solare.
  3. Il programma di studi è definito dall’allegato A.

Art. 4 – Ammissione

  1. Sono ammessi alla Scuola di Ecografia del Pavimento Pelvico gli specialisti e gli specializzandi in Chirurgia generale, Chirurgia dell’apparato digerente, Ginecologia, Urologia, Gastroenterologia, Radiologia.
  2. La Scuola accetta un numero di 5 iscritti per anno solare. Tuttavia Il numero di iscritti alla Scuola può variare annualmente in base alla disponibilità dei Centri di Training e di eventuali borse di Studio. Tale decisione verrà comunicata ai partecipanti all’esame di ammissione prima di effettuare la prova.
  3. L’ammissione ai posti suddetti è subordinata al regolare superamento della prova di ammissione.
  4. I candidati cittadini comunitari sono ammessi al concorso alle stesse condizioni dei cittadini italiani. I cittadini non comunitari sono ammessi al concorso in base alle disposizioni di legge vigenti in materia di permanenza sul territorio nazionale e di esercizio alla professione di medico-chirurgo.

Art. 5 – Prova di ammissione

  1. La prova di ammissione consiste nella valutazione dei titoli (massimo 25 punti), in una prova scritta (massimo 70 punti) ed in una prova orale in lingua inglese (massimo 5 punti)
  2. La valutazione dei titoli (massimo 25 punti) assegnerà un punteggio così distribuito:
    • Voto di laurea (massimo 7 punti)
      • Per voto di laurea inferiore a 100 – punti 0
      • Per ciascun punto da 100 a 110 – punti 0,50
      • Per i pieni voti assoluti – punti 6
      • Per la lode – punti 7
    • Attinenza della tesi alle patologie del pavimento pelvico (massimo 5 punti)
      • Nessuna attinenza – punti 0
      • Attinenza bassa – punti 1
      • Attinenza media – punti 3
      • Attinenza alta – punti 5
    • Attività elettive certificate attinenti lo studio dei disordini del pavimento pelvico (corsi di aggiornamento, internati in strutture chirurgiche italiane o estere) (massimo 8 punti)
      • Per ogni corso di aggiornamento – punti 0,5
      • Per ogni internato in Italia – punti 1
      • Per ogni internato all’estero – punti 2
    • Pubblicazioni a stampa, o lavori che risultano accettati da riviste scientifiche, attinenti i disordini del pavimento pelvico (massimo 5 punti)
      • Ogni pubblicazione o lavoro senza IF – punti 0,50
      • Ogni pubblicazione o lavoro con IF – punti 1
  3. La prova scritta (massimo 70 punti) sarà articolata in un test con 70 domande a risposta multipla. Il punteggio assegnato sarà di un punto per ogni risposta esatta.
  4. La prova orale (massimo 5 punti) consisterà nella lettura e traduzione di un articolo di rivista scientifica in lingua inglese.
  5. La Commissione giudicatrice sarà formata dal Presidente del Consiglio della Scuola, dal Direttore della Scuola e dai Consiglieri.

Art. 6 – Superamento prova di ammissione

Tra i candidati che avranno conseguito il punteggio superiore a 70/100 sarà stilata una graduatoria ed i primi cinque saranno ammessi alla Scuola di Ecografia del Pavimento Pelvico.

Art. 7 – Sede Didattica e Corso di studi

La Sede Didattica Principale della Scuola di Ecografia del Pavimento Pelvico è il I°Dipartimento di Chirurgia e l’Unità di Studio delle Patologie del Pavimento Pelvico, Ospedale Regionale di Treviso. Altre Sedi Didattiche di frequenza per la attività diagnostica pratica saranno annualmente individuate e decise dal Consiglio Direttivo della Scuola. Il corso di studi ha la durata di un anno solare, dal 1 gennaio al 31 dicembre.

Art. 8 – Esame finale

  1. Accederà all’esame finale il discente che avrà completato il programma didattico, come certificato dai responsabili della didattica.
  2. La certificazione dei Responsabili della Didattica dovrà contenere il numero di ore di didattica frontale (non inferiore a 30 ore), il numero e la tipologia delle prestazioni diagnostiche espletate dal corsista (non inferiore a 50).
  3. L’esame finale sarà espletato entro il 31 dicembre dell’anno di corso presso la Sede Didattica Principale di Treviso.
  4. L’esame finale consisterà in una prova orale e nella dissertazione di una tesi. La prova orale tenderà a verificare minuziosamente la preparazione del discente sullo studio ecografico dei disordini del pavimento pelvico; il voto assegnato sarà espresso in trentesimi. La tesi sarà compilata su un argomento scelto dal discente; il voto assegnato sarà espresso in trentesimi.
  5. Per conseguire il Diploma della Scuola di Ecografia del Pavimento Pelvico, il candidato deve ottenere la votazione minima di 48/60. Ove egli consegua il voto massimo, la commissione può concedere la lode che deve essere deliberata all’unanimità.
  6. La Commissione giudicatrice sarà formata dal Presidente del Consiglio, dal Direttore e dai Consiglieri della Scuola.

TITOLO 2

Organi della Scuola

Art. 1 Sono organi della Scuola il Presidente del Consiglio, il Direttore, i Consiglieri ed i Docenti della Scuola.

Art. 2 Presidente del Consiglio della Scuola e supervisore della attività della stessa è il Direttore della Unità Operativa della Sede Didattica Principale di Treviso. Il Direttore in carica della Scuola è socio della SICCR e viene eletto dal Consiglio Direttivo della Società Italiana di Chirurgia ColoRettale. Il primo mandato durerà 4 anni, i successivi mandati 2 anni, previa delibera del Consiglio Direttivo della SICCR.

Art. 3 Il Consiglio della Scuola è formato dal Presidente del Consiglio, dal Direttore in carica e da quattro Consiglieri. I Consiglieri (1 consigliere per ognuna delle Società Affiliate: 1 consigliere SICCR; 1 consigliere SIUMB, 1 consigliere AIUG ed 1 consigliere SIUD) sono scelti dal Consiglio Direttivo delle Rispettive Società tra i soci con comprovata esperienza in campo di ecografia del Pavimento pelvico. L’appartenenza al Consiglio Direttivo in carica delle Rispettive Società non rappresenta né motivo di inclusione né di esclusione. Al Consiglio si affianca un Segretario della Scuola, scelto tra i membri del Consiglio. I primi consiglieri scelti dureranno in carica 4 anni, i successivi 2 anni.

Art. 3a I consiglieri ed i docenti che non rispetteranno gli impegni e gli incarichi loro assegnati e non provvederanno alla sostituzione con altri docenti in caso di concomitanza di impegni, verranno saranno revocati dal loro incarico per l’anno successivo.

Art. 3b La Scuola provvederà a sostenere le spese di pernottamento di consiglieri e docenti. Non sono previsti rimborsi per le spese di viaggio e trasferimento che saranno interamente a carico di consiglieri e docenti.

Art. 4 I docenti della Scuola sono scelte dal Consiglio della Scuola tra i soci di tutte le Società Affiliate in base al possesso dei requisiti di idoneità alla didattica.

Art. 5 I docenti della Scuola sono scelte dal Consiglio della Scuola tra i soci di tutte le Società Affiliate in base al possesso dei requisiti di idoneità alla didattica.

Art. 6 I requisiti di idoneità alla didattica prevedono:

  1. Attività elettive certificate attinenti lo studio dei disordini del pavimento pelvico (corsi di aggiornamento, internati in strutture chirurgiche italiane o estere)
  2. Pubblicazioni a stampa, o lavori che risultano accettati da riviste scientifiche, attinenti i disordini del pavimento pelvico
  3. Adeguata attività assistenziale.
    Per adeguata attività assistenziale del docente si intende sia l’attività di diagnostica ecografica (volume di attività annuale superiore ai 150 esami) che quella chirurgica nell’ambito delle patologie del pavimento pelvico

TITOLO 3

Disciplina del rapporto del corsista

Art. 1 L’iscrizione alla Scuola prevede il versamento di una quota di ammissione alla SICCR

Art. 2 Tutti i corsisti ammessi a frequentare la Scuola dovranno obbligatoriamente essere muniti di una copertura assicurativa per i rischi professionali e gli infortuni connessi all’attività di formazione.

Art. 3 Il corsista dovrà svolgere la propria attività per almeno 30 ore/anno, suddivise anche in differenti periodi e non obbligatoriamente consecutive, come concordato con il Consiglio della Scuola.

Art. 4 Il periodo di formazione può essere sospeso in caso di gravidanza, malattie gravi, ammissione ad un corso di dottorato di ricerca, inserimento lavorativo a tempo indeterminato in struttura pubblica o privata. L’intera durata del periodo di formazione non può essere ridotta a causa delle suddette sospensioni e l’attività di formazione dovrà essere sempre recuperata prima dell’esame finale.

Art. 5 Il corsista dovrà personalmente provvedere alle spese di vitto ed alloggio per tutta la durata della frequenza.

ALLEGATO A: PROGRAMMA DIDATTICO

Il percorso formativo del corsista è finalizzato all’acquisizione di tutte le competenze per eseguire la diagnostica ecografica del pavimento pelvico. Esso consiste sia in una componente teorica, da acquisire con didattica frontale, corsi di aggiornamento, congressi nazionali ed internazionali, sia in una componente pratica da realizzare in ambulatorio.

Gli argomenti del programma didattico sono:

  • Anatomia del retto, dell’ano, del perineo, della pelvi.
  • Fisiologia della defecazione
  • Fisiologia della minzione
  • Meccanismi dei traumi da parto
  • Imaging ecografico:
    • ecografia enodoanale ed endorettale
    • ecografia endovaginale
    • ecografia transperineale
    • ecografia dinamica
    • ecografia tridimensionale
  • Imaging radiologico:
    • defecografia, cistocolpodefecografia
    • defeco-RMN
    • tempi di transito
    • nozioni di videourodinamica, ecografia anale e/o perineale (tests neurofisiologici anali)
  • Altre metodiche diagnostiche:
    • Nozioni di Urodinamica
    • Nozioni di Manometria Anorettale
    • Nozioni dei Tests Neurofisiologici Disordini della defecazione (stipsi cronica, incontinenza fecale)
  • Dolore pelvico
  • Incontinenza fecale
  • Incontinenza urinaria
  • Stipsi cronica
  • Disordini di vuotamento vescicale
  • Prolasso degli organi pelvici
    • Rettocele
    • Cistocele
    • Prolasso del retto
    • Prolasso uterino e prolasso della volta vaginale
    • Enterocele
    • Intussuscezione
    • Dissinergia
  • Fistole e ascessi perianali
  • Fistole retto-vaginali
  • Dissinergia del pavimento pelvico
  • Tumori del canale anale
  • Tumori del retto
‹ indietro
Dizionario
Cerca medico
Centri U.C.P.
Informazioni per i Pazienti

Ultimo aggiornamento:

Stipsi
Leggi ›

L'Esperto Risponde

Stefano Mancini
stedoc@tiscalinet.it

Lettere al presidente

Dott. Francesco Selvaggi
Rubrica diretta a quanti volessero porre dei quesiti al Presidente SICCR, Dott. Francesco Selvaggi.

presidenza@siccr.org

Informazione pubblicitaria
Mediolanum-logo

Mediolanum

Partner
AIGOAIUGCIC