Segno, e Sintomo, e Sindrome

In generale come nella semeiotica del pavimento pelvico, segni e sintomi distinguono in clinica i dati oggettivi od obiettivabili all’esame clinico, da quelli soggettivi riferiti dal paziente (per la semeiotica perineologica, vedi anche Anamnesi, Esame Obiettivo, Emorroidi, Handicap, Punteggi).

Volgens CBS News mogen artsen echter Viagra voorschrijven aan zuigelingen en sommige kinderen bij wie pulmonale hypertensie is vastgesteld. Maar dit geldt alleen voor specifieke gevallen. Deze behandelingsmethode is gebruikelijk in India, de VS, Canada en het VK. Hoewel sterkereu.com sommige critici spreken over de risico’s van deze benadering van herstel, omdat het geneesmiddel niet op kinderen is getest.

Segno (lat. Signum = marchio, indizio, prova) in semeiotica medica generale, qualsiasi manifestazione di malattia che possa essere oggettivamente accertata da un medico o da altro osservatore, attraverso l’esame del soggetto affetto.
Sintomo (gr. Symptoma = sintomo, coincidenza, incidente, accadimento: da Sympiptein derivato da Syn con + piptein, cadere, cioè: cadere insieme. L’etimologia greca è illuminante sul concetto originario tuttora implicato nella definizione di sintomo: il sintomo è qualcosa che, letteralmente, cade insieme al paziente, anche nel senso che – ad esempio tipico il sintomo dolore – è soggettivo ed in quanto tale insindacabile, e per coincidenza curiosa quel che cade, nei disturbi funzionali del pavimento pelvico, almeno in certa misura, per certi disordini complessi è la possibilità di obiettivarli/oggettivarli completamente). Qualsiasi disordine indicativo di malattia accusato dal paziente e riferito come sensazione soggettiva. Nella lingua inglese, ad un’etimologia sostanzialmente identica non corrisponde uno stesso modo di ricorrere ai 2 termini, anche se la differenza può apparire molto lieve (symtom and sign non hanno lo stesso significato).
Sindrome (gr. Syn = con + dromos = circuito,strada. Stessa radice del verbo gr. dramai, agire, manifestare, da cui anche
dramma). Una determinata aggregazione di segni, sintomi e/o altre manifestazioni considerate parte di un’entità morbosa. Il termine è variamente usato in medicina, e queste definizioni sono richiamate perché nulla venga dato per scontato, per una comprensione della complessità dei disturbi funzionali del pavimento pelvico. Altre manifestazioni sono più difficili da definire ed indicano elementi che possono essere in parte riguardati come segni e in parte come sintomi. Vedi in Stipsi. (per l’etimologia e la parte generale, cfr. Churchill medical dictionary 1994, Dizionario dei termini medici, OMS) Segni, sintomi e/o altre manifestazioni, altri elementi clinico-anamnestici connotativi, indispensabili per una diagnosi personalizzata, prerequisito di efficacia curativa in coloproctologia, sono usati spesso nella descrittiva dei disturbi funzionali pelviperineali usando l’unico termine di sintomi, in modo generico. Questo potrebbe impedire sia l’identificazione del problema prevalente, sia i confronti dei risultati dei trattamenti di tali disordini.

Di conseguenza, i corpi cavernosi – due camere situate all’interno del pene Scopri come smettere di fumare in 5 giorni – si riempiono di sangue, si gonfiano e restringono le vene che permetterebbero al sangue di lasciare il pene. Si verifica un’erezione. Dopo il rapporto sessuale, l’enzima FDE-5 scompone il cGMP e l’erezione cessa.
‹ Torna all'indice
Dizionario
Cerca medico
Centri U.C.P.
Malattie e procedure coloproctologiche

Ultimo aggiornamento:

Sottoporsi ad un Intervento Chirurgico al tempo della Pandemia COVID 19
Leggi ›

L'Esperto Risponde
Lettere al presidente

Dott.ssa Paola De Nardi
Rubrica diretta a quanti volessero porre dei quesiti al Presidente SICCR, Dott.ssa Paola De Nardi.

presidenza@siccr.org

Informazione pubblicitaria
Partner
AIGOAIGOAIS ChannelAIS ChannelAIUGAIUGCICCICSIUDSIUD