Stipsi ( _ cronica idiopatica)

Stipsi significa insoddisfacente defecazione in senso ritentivo. “Rare defecation, difficult defecation, or both”) (A.Shafik 2000) è duplice concetto che richiama ai 2 principali meccanismi ipotizzati come cause del disordine funzionale. Secondo i criteri di Roma III (tab 9) (che tengono conto un ampio dibattito precedente incorso fra specialisti), per stipsi cronica idiopatica intende la presenza di: 2 o più dei seguenti sintomi, da almeno 1 anno (in assenza di ricorso a lassativi): meno di 3 defecazioni spontanee a settimana; ponzamento abnorme in più del 25% delle defecazioni; senso di incompeta defecazione in più del 5% delle defecazioni; feci dure o caprine in più del 25% delle defecazioni; senso di ostacolo alla defecazione; digitazioni – siano o meno presenti altri segni o sintomiindicativi di un disturbo dell’alvo. La necessità, da parte del clinico, di valutare il un tempo ampio, le abitudini dietetiche e il ricorso a lassativi, prima di diagnosticare una stipsi cronica. Vedi oltre a conclusione di questa voce, approccio diagnostico). Anche la tipologia di forma e consistenza fecali può aiutare a definire dei criteri di normalità; la “Scala di Bristol” (vedi APPENDICE) rappresenta un tentativo di obiettivare meglio il quadro di stipsi. Non esistono, tuttavia, definizioni unanimamente condivise che consentano la stadiazione della gravità della stipsi. La stipsi infatti può essere considerata un quadro sindromico, cioè un insieme di sintomi, segni ed alterazioni comportamentali, ed in certa misura, nelle stipsi di estrema gravità, anche un handicap. Il questionario per il punteggio della stipsi utilizza il Cleveland Clinic Score (CCS) di Agachan modificandolo con l’aggiunta del sistema Constipaq. Un sistema validato in Italia è quello di Altomare. Si ritiene utile considerare anche altri parametri. L’anamnesi per l’alvo inizia con il numero di defecazioni al mese considerando normale da 2 defecazioni al giorno a 1 a giorni alterni, ovvero da 15 a 60 defecazioni al mese. Ai parametri elencati nella TAB.8 sono aggiunti i dati feci dure (0..4) (secondo i criteri di Roma: per > 1 anno, senza lassativi, 2 o più dei seguenti: 2 def. \ settimana, ponzamento eccessivo, defec. incompl., feci dure, nel 25% dei casi, oppure < 2 def. \ settimana + \ – gli altri parmetri) e assenza di stimolo alla defecazione senza lassativi (tutti gli altri parametri si riferiscono alla condizione indipendente dall’assunzione o meno di lassativi). Si ritiene utile inoltre tener conto di eventuali terapie riabilitative già eseguite o in atto per correggere la stipsi (si/no) (y) ed eventuali interventi chirurgici.

  1. Turnbull GK, Lennard-Jones JE, Bartram CI. Failure of rectal expulsion as a cause of constipation: why fibre and laxatives sometimes fail. Lancet 1986;1(8484):767-9;
  2. Wexner SD, Daniel N, Jagelman DG. Colectomy for constipation: physiologic investigation is the key to success. Dis Colon Rectum
    1992; 35: 235-7;
  3. Moriarty, KJ, Irving M. Constipation. Br Med J 1992;304:1237-1240;
  4. Muller-Lissner SA. Treatment of chronic constipation with cisapride and placebo. Gut 1987;28:1033-1038;
  5. NGC University of Iowa Gerontological Nursing Interventions Research Center, (Ed.) (1998) Management of constipation. National Guideline Clearinghouse;
  6. Longstreth GF, Thompson WG, Chey WD, Houghton LA, Mearin F, Spiller RC. Functional bowel disorders. Gastroenterology
    2006;130:1480-91;
  7. Wang AJ, Liao XH, Hu PJ, Liu SC, Xiong LS, Chen MH. A comparison between Rome III and Rome II criteria in diagnosing irritable bowel Syndrome Zhonghua Nei Ke Za Zhi 2007;46(8):644-7.
  8. Balson R. and Gibson, P.R. (1995) Lower gastrointestinal tract. 1. Constipation [published erratum appears in Med J Aust 1995 Mar
    20;162(6):327]. Medical Journal of Australia 162, 155-157;
  9. Burke A. The management of constipation in end-stage disease. Australian Family Physician 1994;23: 1248-1253;
  10. Clayden, G.S. (1994) Childhood constipation. British Paediatric Assoc. Standing committee on Paediatric Practice Guidelines;
  11. Ewe K.Diarrhoea and constipation. Baillieres Clinical Gastroenterology 1988;2:353-384;
  12. Hanks GW. Palliative medicine. Problem areas in pain and symptom management. Introduction. Cancer Surveys 1994:21:1-3;
  13. Harari D. Bowel habit in relation to age and gender. Archives of Internal Medicine 1996;156:315-320;
  14. Kovach T. Managing geriatric chronic constipation. Home Healthcare Nurse 1992;10:57-58;
  15. Infantino A, Bellomo R, Galanti F, Pisegna Cerone Lia. Current concepts in mamagement of outlet obstruction. In: “Benign anorectal diseases” GA Santoro – G Di Falco. Springer ed. 2005, pagg 403-413.
‹ Torna all'indice
Dizionario
Cerca medico
Centri U.C.P.
Informazioni per i Pazienti

Ultimo aggiornamento:

Stomie Cutanee
Leggi ›

L'Esperto Risponde

Stefano Mancini
stedoc@tiscalinet.it

Lettere al presidente

Dott. Francesco Selvaggi
Rubrica diretta a quanti volessero porre dei quesiti al Presidente SICCR, Dott. Francesco Selvaggi.

presidenza@siccr.org

Informazione pubblicitaria
Gloria-Med-PharmaNeopharmed-Gentili
Partner
AIGOAIUGCICSIUD