Fistola anale o_ perianale

La fistola anale è un tramite patologico con il canale anale e consiste di un tragitto variabile ed almeno un orifizio accertato. Origina dalle cripte del Morgagni, e in questo senso viene denominata anche _ criptogenetica e rappresenta la quasi totalità delle fistole perianali, facendo si che nel linguaggio comune e nelle pubblicazioni scientifiche esse siano diventate sinonimi. La comunicazione con il lume anale o con la cute può non essere evidente nelle fistole a fondo cieco (_ _ cieche interne o _ _ cieche esterne) e questa comunicazione è nel caso solo sospetta, in quanto non repertabile obiettivamente. Si possono presentare uno o più tragitti ramificati e più orifizi sia interni sia esterni (vedi anche ecografia endoanale). In particolare la _ _ è a ferro di cavallo quando un tramite accessorio è controlaterale al tragitto fistoloso che si ritiene principale. Secondo la classificazione di A.Parks (1976) si distinguono 5 tipi di fistole anali: 1) Extra-sfinterica, quando il tramite decorra all’esterno (ingl. outside) dello sfintere esterno e penetri in alto attraversando il muscolo elevatore dell’ano nel retto; 2) Superficiale quando il tramite decorra appena al di sotto dell’epitelio del canale anale, e superficialmente ad entrambi gli sfinteri anali; 3) Transfinterica, quando il tramite attraversi le fibre muscolari sfinteriali striate, attraversando di solito perpendicolarmente entrambi gli sfinteri; 4) Inter-sfinterica, quando il tramite decorra del tutto (o quasi) nello spazio tra lo sfintere anale interno e quello esterno; 5) Sovrasfinterica quando lasci lo spazio intersfinterico dirigendosi in alto, al di sopra del puborettale e attraversi, almeno in parte, il muscolo elevatore dell’ano, per poi raggiungere la cute (l’orifizio interno della fistola può essere o meno situato cranialmente al giunto anorettale). Vedi anche ascesso anale e _ perianale. La regola di Goodsall, o legge di Goodsall – Salmon è utile per dedurre, con buona approssimazione e probabilità elevata, la direzione del tragitto fistoloso in base alla sede dell’orifizio esterno di una fistola anale, si deve ricordare tale regola che comprende in realtà le 3 proposizioni seguenti: 1) gli orifizi esterni localizzati nel quadrante perianale anteriore (cioè ‘sopra l’equatore’ dato da un piano orizzontale passante per l’ano) corrispondono, di solito, a un tragitto fistoloso diretto, con un orifizio interno posto alla stessa ‘ora’ (*) in cui si trova l’orifizio esterno; 2) gli orifizi esterni localizzati nel quadrante posteriore (cioè sotto l’orizzonte dato dal piano prima descritto) corrispondono a un tragitto fistoloso curvilineo, a convessità posteriore, con orifizio interno localizzato posteriormente al margine anale, sulla linea mediana; 3) gli orifizi esterni anteriori è localizzati a più di 3 cm di distanza dal margine anale, devono far sospettare e ricercare un tragitto fistoloso con orifizio interno posto al polo posteriore.

(*) Regola dell’orologio: Durante l’esame obiettivo colo-proctologico come nel successivo referto della visita specialistica, serve identificare con precisione la sede di ogni eventuale lesione, sia essa cutanea e perianale, sul margine anale od interna al canale anale. In pratica per convenzione si descrivono le lesioni indicando la loro posizione ‘a determinate ore’, immaginando cioè di inscrivere i numeri del cerchio di un orologio il cui centro sia l’ano stesso, e in cui ‘le ore 6’ cadano sul rafe posteriore ano-coccigeo livello della linea mediana. Ciò varrà indipendentemente da eventuali cambiamenti, rispetto alla posizione standard del paziente (posizione di Sims) che per qualsiasi ragione possano accadere o rendersi necessari (ad esempio, impossibilità del paziente a decubitare sul fianco sinistro per esiti di traumi o patologie coxofemorali omolaterali).

  1. Parks AG, Gordon PH, Hardcastle JD. A classification of fistula in ano. Br J Surg 1976;63(1):1-12;
  2. Parks AG, Stitz RW. The treatment of high fistula-in-ano. Dis Colon Rectum.1976;19(6):487-99;
  3. Parks AG, Gordon PH. Fistula-in-Ano: perineal fistula of intra-abdominal or intrapelvic origin simulating fistula-in-ano–report of seven cases. Dis Colon Rectum 1976;19(6):500-6;
  4. Thomson JP, Parks AG. Anal abscesses and fistulas. Br J Hosp Med 1979;21(4):413-4, 418, 420-2;
  5. Cataldo PA, Senagore A, Luchtefeld MA. Intrarectal ultrasound in the evaluation of perirectal abscesses. Dis Colon Rectum 1993;36 (6):554-8;
  6. Perini L, Marcon M, Bidoli L, Fabris G, Ferraro B, Cavallo A, Zacchi C. Magnetic resonance in the assessment of perianal fistula. Radiol Med 1995;89(5):637-42;
  7. Köhler A, Athanasiadis S, Psarakis E, Ommer A. Management of primary non-classifiable anal fistulas. Chirurg 1999;70(5):578-81;
  8. Deroide G, Deroide JP. Anal fistulae and abscesses: diagnostic and therapeutic aspects, excepting Crohn’s disease. J Chir (Paris) 2000;137(2):83-92;
  9. Gonzálvez Piñera J, Marco Macián A, Fernández Córdoba MS. Anal fistula treatment with seton. Cir Pediatr. 200;13(3):124-5;
  10. de San Ildefonso Pereira A, Maruri Chimeno I, Facal Alvarez C, Torres J, Casal JE. Bacteriology of anal fistulae. Rev Esp Enferm Dig 2002;94(9):533-6;
  11. Schwartz DA, Wiersema MJ, Dudiak KM, Fletcher JG, Clain JE, Tremaine WJ, Zinsmeister AR, Norton ID, Boardman LA, Devine RM, Wolff BG, Young-Fadok TM, Diehl NN, Pemberton JH, Sandborn WJ. A comparison of endoscopic ultrasound, magnetic resonance imaging, and exam under anesthesia for evaluation of Crohn’s perianal fistulas. Gastroenterology 2001;121(5):1064-72;
  12. D’Hoore A, Penninckx F. The pathology of complex fistula in ano. Acta Chir Belg 2000;100(3):111-4;
  13. Nelson R. Anorectal abscess fistula: what do we know? Surg Clin North Am 2002; 82: 1139–51;
  14. Sloots CE, Felt-Bersma RJ, Poen AC, Cuesta MA, Meuwissen SG. Assessment and classification of fistula-in-ano in patients with Crohn’s disease by hydrogen peroxide enhanced transanal ultrasound. Int J Colorectal Dis 2001;16(5):292-7;
  15. West RL, Zimmerman DD, Dwarkasing S, Hussain SM, Hop WC, Schouten WR, Kuipers EJ, Felt-Bersma RJ. Prospective comparison of hydrogen peroxide-enhanced three-dimensional endoanal ultrasonography and endoanal magnetic resonance imaging of perianal fistulas. Dis Colon Rectum 2003;46(10):1407-15;
  16. Schaefer O, Lohrmann C, Kreisel W, Rasenack J, Ruf G, Hopt U, Langer M. Differentiation of perianal fistulas with digital subtraction magnetic resonance fistulography. Inflamm Bowel Dis 2005;11(4):383-7;
  17. Filingeri V, Gravante G, Cassisa D. Clinical applications of radiofrequency in proctology: a review. Eur Rev Med Pharmacol Sci 2006;10(2):79-85;
  18. Ratto C, Grillo E, Parello A, Costamagna G, Doglietto GB. Endoanal ultrasound-guided surgery for anal fistula. Endoscopy 2005;37 (8):722-8;
  19. Dal Corso HM, D’Elia A, De Nardi P, Cavallari F, Favetta U, Pulvirenti D’Urso A, Ratto C, Santoro GA, Tricomi N, Piloni V. Anal endosonography: a survey of equipment, technique and diagnostic criteria adopted in nine Italian centers. Tech Coloproctol 2007;11 (1):26-33.
  20. Maconi G, Ardizzone S, Greco S, Radice E, Bezzio C, Bianchi Porro G. Transperineal ultrasound in the detection of perianal and rectovaginal fistulae in Crohn’s disease. Am J Gastroenterol 2007;102(10):2214-9;
  21. Yang BL, Gu YF, Zhu X, Shao WJ, Sun GD, Ding SQ, Jin HY. Application of magnetic resonance imaging in the diagnosis of complex anal fistula Zhonghua ei Chang Wai Ke Za Zhi 2008;11(4):339-42.
‹ Torna all'indice
Dizionario
Cerca medico
Centri U.C.P.
Malattie e procedure coloproctologiche

Ultimo aggiornamento:

Sottoporsi ad un Intervento Chirurgico al tempo della Pandemia COVID 19
Leggi ›

L'Esperto Risponde

Gaetano Gallo
dr.gaetanogallo@libero.it

Lettere al presidente

Dott. Roberto Perinotti
Rubrica diretta a quanti volessero porre dei quesiti al Presidente SICCR, Dott. Roberto Perinotti.

presidenza@siccr.org

Informazione pubblicitaria
Partner
AIGOAIUGCICSIUD